Prova su Strada

Chevrolet Captiva

Chevrolet rinnova l'offerta di Captiva, nuovo frontale, interni e dotazioni rinnovati e motori più potenti ed ecologici

@

Chevrolet Captiva 2011

[28 foto]
Chevrolet Captiva 2011
Chevrolet Captiva 2011
Chevrolet Captiva 2011
Chevrolet Captiva 2011
Chevrolet Captiva 2011
Chevrolet Captiva 2011
Chevrolet Captiva 2011

Inizio scoppientante per questo Centenary Year della Chevrolet. Dopo la presentazione dell’Orlando, ecco il lancio della Nuova Captiva Model Year 2011 e all’orizzonte altri 5 appuntamenti da segnare sul calendario: Aveo, Cruze 5p, Corvette, Camaro e a fine anno la scommessa elettrica “Volt”. La casa americana ha chiuso il 2010 con un +21,4% a livello globale rispetto all’anno precedente ed un +12% considerando la sola Chevrolet Europa.

Design. La nuova Captiva è stata profondamente rinnovata, il frontale è stato completamente rivisto ed ora il logo Chevrolet fa bella mostra di sé nel mezzo della nuova poderosa e molto american style calandra. I nuovi gruppi ottici ridisegnati e a led. Gli indicatori di direzione sono integrati negli specchietti laterali ed i passaruota modificati per accogliere cerchi fino a 19 pollici.

Abitacolo. L’interno è stato impreziosito da nuovi tessuti e migliori finiture. Il freno a mano è diventato elettronico lasciando prezioso spazio nel vano centrale utilizzato per inserire utili portaoggetti. Il ricco allestimento di serie prevede la configurazione a 7 posti (5+2). La soluzione adottata per l’accesso alla terza fila è quella già sperimentata sulla Orlando con una parte del divano posteriore che si ripiega facilmente realizzando un comodo passaggio. Notevole la capacità di carico che arriva, con la II° e III° fila abbattuta fino al 1577 lt. Il posto guida è confortevole e la possibilità di regolare il volante sia in altezza che in profondità agevola la ricerca della giusta posizione di guida anche per le persone più alte. I comandi ben disposti ed il cruscotto risulta chiaro e visibile anche se in verità troppo semplice tale da risultare un spoglio. La console centrale ospita il navigatore integrato con la retrocamera (solo sulle versioni LTZ). Non sempre risulta puntuale nell’indicare la “retta via” e viaggiando di giorno con le luci spente il contrasto sullo schermo è tale da risultare molto poco visibile.
Il telaio assicura un buon comportamento stabile anche in curva con poco rollio laterale, mentre le sospensioni dosano molto bene comfort e rigidità. Buona anche l’insonorizzazione interna.

Motori. Tutti euro 5 e crescono di cilindrata (ora 2231 cc) e di potenza (163 CV per la 2WD e 184 CV per le 4WD). Le prestazioni sono garantite con un discreta risposta sia in termini di ripresa che di velocità massima pur in presenza di una riduzione dei consumi (6,4 l/100 km per il 163 CV) e delle emissioni CO2 g/km pari al 12%.
Il cambio manuale a 6 rapporti si affianca a quello automatico per le versioni da 184CV. Utile il dispositivo Hill Start System, che aiuta le ripartenze in salita e l’Hill Descent Control, che interviene a richiesta in presenza di forti pendenze e terreni insidiosi. Completano l’equipaggiamento i sensori di parcheggio, il cruise control ed i sensori pioggia.
La nuova Chevrolet Captiva conserva il sistema di trazione integrale attivo "on-demand", una soluzione tanto pratica quanto amica dell'ambiente che utilizza la trazione anteriore nelle normali condizioni di guida e passa alla trazione integrale - attivata automaticamente tramite una frizione elettronica - quando è richiesta una maggiore aderenza, ad esempio su superfici sdrucciolevoli o nelle partenze in salita.
Quando è attivata la trazione integrale, la potenza indirizzata alle ruote anteriori e posteriori è ripartita in modo automatico fino al rapporto 50:50. Oltre allo slittamento, il sistema rileva il regime del motore, la velocità del veicolo, gli angoli di sterzo e di imbardata. Per garantire il massimo controllo, il sistema di trazione integrale è completamente integrato nei sistemi ABS ed ESC.

Prezzi. Interessante la politica Chevrolet per il mercato italiano; tre le versioni previste, tutte a gasolio: 2.2 163 CV 2WD, 2.2 184 CV 4wd cambio manuale e 2.2 183 CV 4WD con cambio automatico, anche se ci sarebbe piaciuto un motore più potente a benzina. Tutte le versioni sono full optional con prezzi rispettivamente di 28.100, 33.600 e 35.100. Commercializzazione a partire dalla prossima primavera con prezzo promozionale di lancio sotto i 25.000 per la versione da 163 CV a due ruote motrici.

S. Antonetti

Ci Piace
- imponenza del frontale
- allestimenti full optional
- buon rapporto qualità/prezzo

Non ci piace
- cruscotto troppo spoglio
- scarsa visibilità del navigatore di giorno
- assenza di un motore benzina più performante

MARCA: Chevrolet

TAG: Chevrolet Chevrolet Captiva

| Altri
Like us on Facebook